Produttori, Ricette, Risotti

La prima blockchain del riso italiano con Riso Chiaro

risotto piselli ciliegie

Oggi cucino un riso a filiera corta, coltivato, lavorato e confezionato alle portate di Vercelli, la mia città.

Come faccio a saperlo? Perché il produttore è Cascina Veneria, un’azienda agricola storica che ha aderito a Riso Chiaro, il primo progetto di blockchain di applicata al riso italiano.

Intanto  una chicca sulla Cascina Veneria: proprio qui nel 1949 il regista Giuseppe De Santis girò le riprese del film Riso Amaro, con Silvana Mangano e Vittorio Gassman.

Oggi Cascina Venerìa continua a coltivare varietà di riso storiche:

  • il Balilla del 1924, dal chicco piccolo e tondo, ideale per le minestre;
  • il Vialone Nano del 1937, dal chicco medio, ma fantastico per i risotti grazie alla consistenza del chicco. Insieme a Carnaroli è l’unico riso italiano da risotto ad alto amilosio e questo conferisce un’ottima tenuta di cottura;
  • il Carnaroli: nato nel 1945 in provincia di Milano, ha trovato le condizioni ideali per la sua coltivazione nella Bassa Vercellese;
  • il Baldo, l’unico riso italiano da risotto cristallino, per risotti naturalmente cremosi e mantecati.

Ho scelto di usare il Vialone Nano per questa ricetta perché si solito di pensa subito al Veneto, in particolare alla IGP Nanon Vialone Veronese. Pochi sanno però che questo riso è nato a Vercelli, alla Stazione Sperimentale di Risicoltura, nel 1937, dall’incrocio tra Vialone Nero e Nano. Vialone Nero è una varietà del 1903 selezionata nel Pavese, a Sant’Alessio con Vialone: ecco l’origine del nome!

La produzione di riso nella Cascina Veneria avviene a ciclo completo: dalla coltivazione alla trasformazione in riseria, fino al confezionamento e alla distribuzione. Una filiera produttiva che oggi è tracciata grazie all’adesione a Riso Chiaro, il primo progetto di blockchain applicato al riso.

Perché è importante la tracciabilità?

Perché in questo modo il consumatore conosce i dettagli tutte le fasi di produzione del riso: la zona geografica di coltivazione, il nome dell’agricoltore e della riseria che lo lavora dopo il raccolto. Non sempre l’azienda agricola e la riseria coincidono, come nel caso di Cascina Veneria, ma gli agricoltori indicano nel processo di blockchain dove il riso viene pilato e poi confezionato.

Insomma, una garanzia di italianità al 100%, dal campo alla tavola. E voi sapere quanto io ci tenga al riso italiano vero e di qualità!

Per cucinare di un riso a filiera completa, ho scelto un piatto completo: il risotto con piselli, ciliegie e burrata è una ricetta che segna l’inizio dell’estate.

risotto piselli ciliegie

Ingredienti per 2 persone:

  • 180 gr di riso Vialone Nano
  • cipolla
  • piselli
  • ciliegie mature
  • burro
  • burrata
  • sale
  • pepe

Preparazione

Tagliate finemente un pezzetto di cipolla e fatela rosolare nel burro. Aggiungete il riso Vialone Nano, fatelo tostare e aggiungete il sale, quindi versate un po’ di acqua bollente per la cottura. Aggiungete il liquido gradualmente e fate cuocere per 12 minuti. E’ importante mescolare il riso di tanto in tanto, per favorire la fuoriuscita dell’amido. Cinque minuti prima di fine cottura, aggiungete i piselli crudi. A fuoco spento aggiungete le ciliegie che avrete tagliato a metà e mescolate energicamente. Fate riposare un minuto prima di aggiungere un cucchiaio di burrata. Se piace aggiungete un pizzico di pepe macinato al momento.

In collaborazione con Riso Chiaro.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Your name *

Your website *

Commenti*