Ricette, Risotti

Risotto integrale al gorgonzola dop e zafferano con riso Barone semilavorato

Un riso tipo Roma, ideale per i risotti della tradizione, nato da una nuova cultivar scelta dai fratelli Rosso di Cascina La Gaietta, due giovani che amano l’ambiente e l’agricoltura sostenibile.

Sto sempre attenta al riso che scelgo per cucinare i miei piatti: da quando sono diventata Sommelier del Riso non mi accontento più di scegliere un “riso da risotti”, ma mi informo sul nome della varietà e sul luogo di coltivazione. Non sempre è possibile trovare tutte le informazioni in etichetta, così preferisco chiedere al produttore, perché possa raccontarmi tutto il lavoro e le storie di vita che si trovano dentro ad un pacchetto di riso. Francesco ed Edoardo Rosso di Cascina La Gaietta  sono due ragazzi appassionati e svegli: sanno perfettamente che il lavoro dell’agricoltore non si ferma in campagna, anzi, quello più difficile comincia quando il riso è già nella confezione, alla ricerca di un consumatore attento, consapevole e che pretende di conoscere l’origine dei prodotti prima che arrivino sulla sua tavola.

Sulla confezione trovate scritto riso Roma, etichetta necessaria per legge, ma i fratelli Rosso ci tengono a sottolineare che la varietà coltivata si chiama Barone, un riso del nuovo millennio, selezionato per la resistenza naturale della pianta alle malattie in campo e per la produttività. Un chicco grande, perlato, consistente e dal buon rilascio di amido; la lavorazione parziale conserva una parte fibrosa esterna al chicco, rendendo più resistente in cottura e conferendogli una consistenza croccante. Per semplicità ho chiamato la ricetta “risotto integrale“, anche se non è proprio così. In realtà si tratta di un riso semilavorato, quindi “semi-integrale“, sottoposto ad una pilatura più leggera che conserva parte del pericarpo, composto principalmente da fibre, sali minerali e lipidi. Sulla confezione trovate anche il marchio della Strada del Riso Vercellese di Qualità, altra garanzia di territorialità.

Certo che non è sempre facile acquistare dal produttore: distanza e fretta sono cattive consigliere, ma per fortuna ci ha pensato Giorgio Tirelli a mettere in comunicazione il produttore con il consumatore: il suo negozio Riso & Riso vende online, tramite un comodo sito e-commerce. C’è da restare meravigliati di fronte ad un catalogo così ampio e completo di risi esclusivamente coltivati in Italia, un vero e proprio servizio che rende sicuri nei propri acquisti e comodamente soddisfatti.

Per un riso così speciale, non potevo scegliere ingredienti qualsiasi!

Il Gorgonzola DOP  è il Bollo Nero di Caseificio Invernizzi di Trecate, provincia di Novara, dal sapore profondo e fondente. Lo zafferano arriva sempre dal Piemonte, in particolare dalla zona del Roero, dall’azienda agricola San Bernardo, in provincia di Cuneo.

Con queste tre eccellenze piemontesi ho cucinato un risottino da leccarsi i baffi… provare per credere!

risotto integrale gorgonzola zafferano

Risotto integrale al gorgonzola dop e zafferano con riso Barone semilavorato

Ingredienti per 4 persone

  • 320 di riso Roma “Barone” semilavorato Cascina La Gaietta (cottura 17/18 minuti)
  • 250 gr di Gorgonzola DOP Bollo Nero, Caseificio Invernizzi
  • 0,30 gr di zafferano San Bernardo
  • brodo di carne
  • vino bianco secco
  • olio extravergine di oliva
  • sale

Preparazione

Fate tostare con un filo d’olio il riso, quindi sfumate con il vino bianco. Aggiungente il brodo caldo e fate cuocere, mescolando continuamente, per 15 minuti. Lasciate ammollare in poco brodo caldo (una tazzina da caffè) lo zafferano, quindi togliete i pistilli. Aggiungete il gorgonzola tagliato a pezzetti e il brodo allo zafferano, fate cuocere per altri 2 minuti, quindi spegnete il fuoco e fate riposare per un minuto. Servite il risotto decorando con qualche pistillo di zafferano.

risotto integrale gorgonzola zafferano

 

____________________________

Cascina La Gaietta
Olcenengo – Vercelli
info@cipelo.com
www.cipelo.com
www.instagram.com/cascina_la_gaietta

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Your name *

Your website *

Commenti*