Ricette, Risotti

Riso S. Andrea di Baraggia DOP con fichi e Toma Piemontese

riso s andrea fichi

Settembre è arrivato e fichi sono ormai maturi. Ecco un risotto per salutare l’estate, con riso S. Andrea di Baraggia DOP, fichi e la Toma Piemontese, altra DOP eccellente del Piemonte.

I fichi sono quelli dell’orto di mio papà, che continua a a regalarmi delizie biologiche. Ogni volta che vado da lui a fare rifornimento, suono il campanello e gli dico: “Buongiorno signore, è qui che si fa la spesa bio e gratis?!”. Direi un vantaggio da sfruttare finché l’inverno non arriva!

Il riso S. Andrea di Baraggia DOP è già comparso sul mio blog: in realtà nella Baraggia Biellese e Vercellese, zona designata dalla DOP, i  risi coltivati come da disciplinare sono 7 e hanno diverse caratteristiche e svariati usi in cucina. Prossimamente proverò altri risi da risotto, come Carnaroli, Baldo e Arborio. Se volete conoscere tutte le varietà della Baraggia, potete intanto visitare il sito www.risobaraggia.it

Intanto ecco la ricetta!

Riso S. Andrea di Baraggia DOP con fichi e Toma Piemontese

Ingredienti per 3 persone

  • 250 gr di riso S. Andrea di Baraggia DOP
  • brodo vegetale
  • 2 fichi freschi
  • una fetta di Toma Piemontese DOP stagionata
  • olio extravergine di oliva
  • vino bianco secco
  • sale e pepe
  • un rametto di origano fresco
  • foglioline di basilico
  • fiori di campo per decorare

Preparazione

Fate tostare il riso S. Andrea di Baraggia DOP in una pentola con un filo d’olio. Aggiungete un po’ di sale e di pepe, quindi sfumate con il vino bianco. Lasciate consumare completamente il vino, quindi versate il brodo bollente fino a coprire tutta la superficie del riso. Lasciate cuocere per 14 minuti e aggiungete la toma tagliata a dadini a fuoco spento, mescolando energicamente. Versate il riso nel piatto e decorate delle fettine di fico con la sua buccia, dopo averlo naturalmente lavato e asciugato. Aggiungete qualche fogliolina di  origano fresco e di basilico e se volete decorate con dei fiori di campo edibili.

 

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Your name *

Your website *

Commenti*