Senza categoria

Risò e Piemondina, le nuove keywords legate al riso del Piemonte

Un evento per lanciare il riso piemontese nel 2018, ma anche un marchio di garanzia di provenienza dalla Regione Piemonte. Mettici poi la presentazione del Libro del riso italiano di Golosario e Cairo…

Una bella soddisfazione! Presentare il Libro del riso italiano in un convegno organizzato da Comune di Vercelli, Regione Piemonte e Strada del Riso Vercellese di Qualità non ha prezzo. Uno slancio proattivo da parte delle istituzioni, ma anche dei partecipanti, dal mondo risicolo e dal pubblico di consumatori, che hanno riempito la Cripta della Basilica di S. Andrea a Vercelli. Ieri, sabato 18 Novembre, è stata davvero una giornata speciale.

Paolo Massobrio

Il Sindaco Maura Forte ha presentato il progetto “Risò”, un maxi evento previsto per il 2018, composto da 4 giornate dedicate al riso, in una sorta di Salone del gusto in chiave vercellese. Giorgio Ferrero, Assessore all’Agricoltura della Regione Piemonte, ha presentato “Piemondina“, il nuovo marchio del riso piemontese di qualità, che consentirà ai risicoltori locali di avere una vetrina all’interno dei supermercati e dei centri commerciali, fornendo ai consumatori la garanzia di tracciabilità del prodotto dal campo alla tavola. Un’iniziativa che era già stata adottata per la promozione del latte e dei formaggi provenienti da allevamenti piemontesi con il marchio “Piemunto“.

Infine Paolo Massobrio ha presentato il “Libro del Riso Italiano“,  edito nella Collana Libri del Golosario da Cairo Editore. E’ stato emozionante parlarne di fronte al pubblico della mia città insieme a Massimo Biloni, coautore e mio inseparabile collega: grazie a lui, in questi anni, mi sono costruita un bagaglio di conoscenze ed esperienze nel mondo del riso che è impagabile.

Anche la Strada del Riso Vercellese di Qualità ha presentato un libro: una Guida del paesaggio rurale della città di Vercelli “Strade, cascine e risaie“, che completa la promozione del territorio tramite mete e percorsi tutti da scoprire.

Una bella soddisfazione, come ho detto all’inizio del post, ma non un punto di arrivo, piuttosto di partenza. Di lavoro da fare per la promozione del riso italiano ce n’è ancora tanto, e io sono pronta, sulla griglia di partenza!

risò vercelli

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Your name *

Your website *

Commenti*