Insalate, Ricette, Tipi di riso

Insalata di riso: quale riso usare e come prepararla

L’insalata di riso è un piatto tipico dell’estate e ne esistono diverse varianti: scegliere il riso giusto è fondamentale per preparare un’insalata di riso perfetta, con chicchi ben staccati tra loro e che mantengano la consistenza per un paio di giorni.

Il riso da insalata più utilizzato è il riso parboiled perché non scuoce, grazie ad un processo idrotermico che lo rende più resistente alla cottura. Inoltre il parboiled non rilascia più amido, così i chicchi restano ben separati tra loro. Non tutti però lo amano, perché con la parboilizzazione cambiano la consistenza del riso, che diventa un po’ gommosa, e l’odore, che ricorda lievi note di affumicatura. Il riso parboiled si riconosce ad occhio, perché assume un colore giallino.

Tra i risi bianchi da insalata troviamo spesso in commercio il Ribe, che si può usare nelle insalate di riso anche nella sua versione bianca o integrale. Pur non essendo un riso da risotto, ha un chicco piuttosto grande, che tiene bene la cottura.

Se invece vogliamo un sapore più esotico, possiamo scegliere i risi aromatici. Non dobbiamo per forza comprare risi stranieri, come Basmati e Jasmine, ma possiamo trovare in commercio alcuni risi aromatici italiani, come il Fragrance, che raggruppa varietà di riso dal chicco aghiforme e naturalmente profumate, come Apollo, Giglio e Giano. Anche il riso Thaibonnet è un riso italiano ideale per le insalate, ma a differenza del Fragrance non è aromatico. Ha una un chicco di forma allungata, molto affusolato, un aspetto cristallino ed è molto consistente, perché ricco di amilosio, per cui ha un’ottima tenuta di cottura. Infine i risi colorati integrali, neri e rossi, sono ideali per preparare insalate di riso perché hanno una tenuta di cottura molto elevata e durano per più giorni in frigorifero, senza alterare le caratteristiche organolettiche. Tra i risi neri che troviamo in commercio ci sono Venere, il riso Artemide e il riso Violet, mentre tra i risi integrali rossi italiani troviamo Ermes e Orange. Il riso nero e il riso rosso hanno ottimi valori nutrizionali, grazie alla presenza di fibre, sali minerali e antociani, potenti antiossidanti.

Per prepare l’insalata di riso si possono utilizzare principalmente due tecniche di cottura. Quella più semplice è la bollitura, con la quale il riso viene scolato, eliminando l’amido in eccesso insieme all’acqua di cottura. La cottura pilaf è ideale per mantenere il chicco consistente e croccante, ma bisogna avere l’accortezza di lavare il riso prima di cuocerlo, in modo da eliminare l’eccesso di amido che potrebbe rendere i chicchi collosi.

Nel video vediamo insieme come preparare un’insalata di riso pilaf con un riso aromatico italiano.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Your name *

Your website *

Commenti*