Eventi Food

Sua eccellenza il riso protagonista alla Città del Gusto di Torino.

Riso Acquerello a sua eccellenza il riso, Torino Città del gusto

Il riso vercellese approda a Torino per un evento firmato Gambero Rosso.

Riso Acquerello della Tenuta La Colombara, Tenuta Malfatta, Cascina Valdemino, Riso Caia e Riso Ferraris sono le aziende scelte a rappresentare le eccellenze del riso piemontese durante l’evento food che si è tenuto alla Città del Gusto di Torino la scorsa Domenica 30 Marzo.

Laboratori, degustazioni e showcooking sull’ingrediente principe della giornata, alimento versatile e dalle notevoli proprietà nutritive, illustrate sapientemente durante l’intervento formativo di Promoriso. Risotto con Carnaroli RIso Caia dello chef Ettore Bocchia Il Carnaroli rappresenta l’eccellenza del riso in Piemonte, una varietà apprezzata soprattutto nella preparazione dei risotti e di cui Piero Rondolino, della Tenuta La Colombara, ha fatto il suo cavallo di battaglia. Acquerello è infatti un Carnaroli in purezza, la cui particolarità risiede nell’invecchiamento e nella lavorazione brevettata che preserva tutte le proprietà nutritive contenute nella gemma del chicco. Riso Caia, piccolo produttore di Asigliano Vercellese, ha presentato una vera chicca: il riso Maratelli, una delle più antiche varietà di riso italiane, recentemente riscoperta. Lo chef Ettore Bocchia ha scelto di far degustare il riso Maratelli semplicemente bollito, per esaltarne le proprietà olfattive e gustative. riso maratelli La tenuta Malfatta di Barone Quirino ha stupito con la linea di risi aromatici e pigmentati di produzione italiana: dal più noto riso nero Venere, fino al rosso integrale Ermes e bianco aromatico Apollo, utilizzato durante lo showcooking del Gambero Rosso come alternativa ai più classici risi.  Riso Ferraris ha presentato, oltre al riso, una particolare linea di risotti miscelati con ingredienti naturali essiccati, mentre Cascina Valdemino ha aggiunto la linea da forno, con dolci e biscotti a base di farina di riso. Tenuta Mafatta, riso Venere, Ermes e Apollo Un percorso quello del riso vercellese tutto da scoprire, non solo a livello enogastronomico: con l’arrivo della primavera le risaie si trasformano nel cosiddetto “mare a quadretti”, dove luce e cielo sono riflessi su un paesaggio mozzafiato tutto da scoprire. E nel vercellese c’è anche chi si organizza al meglio per godersi lo spettacolo attraverso un “Safarisaia“, appunto un vero safari tra le risaie a bordo di un 4×4, intervallato da una tipica colazione contadina con salame e acciughe. E voi, siete pronti ad affrontare le risaie vercellesi?

2 Responses

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Your name *

Your website *

Commenti*